Il DG Menicucci scrive ai tifosi: “Ononeremo il campionato ma chiederemo a CRL e LND chiarimenti per torti arbitrali subiti”.

La delusione nei volti di (da sinistra a destra) Simone Esposito, Mattia Noia e Stanislav Bahirov.

E’ con grande rammarico che ci avviamo verso la fine di un torneo che si concluderà domenica, un campionato a nostro avviso falsato in varie fasi da aprile ad oggi, ma noi continueremo ad onorare fino alla fine questo torneo che anche nel recupero con l’Alcione, ci ha visto danneggiati per un evidente fallo sul portiere nel terzo minuto di recupero. Un fallo chiaro e lampante, come si può evincere dal video allegato, che sarebbe stato fischiato in ogni campionato, in qualsiasi categoria e in qualsiasi nazione, ma che si va ad aggiungere ai torti subiti con Accademia Pavese, Vogherese e Codogno (tutti documentabili tramite i video degli episodi incriminati).

Su questo lato stiamo già chiedendo spiegazioni al Comitato Regionale Lombardo e alla LND, perché prima dell’inizio della prossima stagione, vogliamo che sia fatta chiarezza anche su quella che si va a concludere.

Tutto ciò che abbiamo scritto finora, non giustifica il pessimo risultato sportivo con cui concludiamo questa stagione, e, da me in primis, al presidente, all’allenatore e a tutto il gruppo, dobbiamo ragionare e capire dove abbiamo sbagliato per poter ripartire con la convinzione di ottenere risultati migliori. Tutto questo con la speranza che il Presidente voglia continuare con lo stesso entusiasmo di questi anni, nonostante spesso si sia ritrovato solo, ad investire per riportare la società dove merita.

La scorsa estate la proprietà si è impegnata a ripianare i debiti delle precedenti gestioni per un valore superiore a €200.000, denaro che poteva essere investito sul mercato, ma ciò non è stato possibile.

Ringrazio comunque i giocatori pere aver accettato di giocare in una piazza prestigiosa come Pavia, rinunciando a stipendi più alti in altre squadre, e adattandosi alla nostra situazione particolare che abbiamo dovuto affrontare la scorsa estate.

Continuo a sostenere che la squadra assemblata è altamente competitiva, come dimostrato negli scontri diretti finora contro Sant’Angelo, Varzi ed Alcione, tutte squadre che hanno lottato fino alla fine per la promozione.

Oggi la nostra delusione è enorme, perché la passione e l’impegno profusi dal sottoscritto e da tutto lo staff sono state comunque encomiabili, e siamo dispiaciuti per i nostri tifosi, che sanno gli sforzi fatti dal Presidente, quelli che sta facendo ancora, e che sta cercando di ridare dignità ad una gloriosa società e riportare entusiasmo in una piazza che merita ben altri scenari.

Prendiamo atto del fallimento tecnico-sportivo, ma continuiamo ad aver dubbi su questo campionato che ha parecchi scheletri nell’armadio ancora da tirare fuori. Troppe situazioni non ci sono state chiare fin dall’inizio, e nei prossimi giorni lavoreremo per pressare le varie federazioni per fare chiarezza su quanto abbiamo visto in campo in queste domeniche.

La storia di questa società e questa gloriosa piazza lo meritano.

In fede

Ettore Menicucci

Direttore Generale AC Pavia 1911

Condividi sui social